Get Adobe Flash player

Condividi

spazzolino-dentifricioVolendo usare uno spazzolino manuale, si consiglia di sceglierne uno piccolo di media durezza con setole in njlon e punte arrotondate.

Lo spazzolino va cambiato ogni mese e mezzo massimo due mesi  appena le setole cominciano a piegarsi perché non consentono di effettuare un’igiene corretta e possono danneggiare le gengive.

Per mantenere denti e gengive sane asportando correttamente la placca i denti vanno lavati per almeno due minuti la mattina dopo colazione, dopo pranzo e soprattutto dopo cena.

Per spazzolare le superfici interne ed esterne del dente lo spazzolino va inclinato 45° rispetto all’ asse lungo del dente (tecnica di Bass) per rimuovere la placca batterica dal solco gengivale, eseguendo un movimento rotatorio dalla gengiva verso il dente.

Per spazzolare le superfici masticanti dei denti, lo spazzolino va posto in posizione orizzontale e mosso in avanti e in dietro.

Infine per spazzolare le superfici interne dei denti  anteriori (da canino a canino) lo spazzolino va posto in posizione verticale eseguendo un movimento dall’alto al basso per l’arcata superiore e dal basso  verso l’ alto per l’arcata inferiore.

Finita la pulizia dei denti va pulita anche la lingua con movimenti da dietro verso avanti in modo da rimuovere i residui di cibo insieme ai batteri che causano cattivo odore ( alitosi).

Evitare movimenti orizzontali troppo energici in questo modo oltre a non eliminare la placca batterica dal solco gengivale possiamo creare delle recessioni gengivali (cioè lo spostamento della gengiva dai colletti dentali con progressiva esposizione della radice che può portare come conseguenza a ipersensibilità del dente agli stimoli caldi e freddi).

 

E’ sufficiente usare lo spazzolino 3 volte al giorno per avere una corretta igiene orale?

 

La risposta è no!

Per rimuovere la placca dalle superfici di contatto dei denti una volta al giorno va usato il filo interdentale.

Come si usa il filo interdentale?

Avvolgere il filo sulle dita medie per  tenerlo fermo e muoverlo con gli indici o con i pollici.

Inserire il filo nello spazio interdentale superare il punto di contatto dei denti far scivolare delicatamente il filo fino al livello del solco gengivale ed abbracciare il dente.

A questo punto tenendo il filo ben stretto al dente far scivolare il filo dalla gengiva fino al punto di contatto interdentale.