Get Adobe Flash player

Condividi

faq-dentistaIl dentifricio è un ausilio alla azione meccanica di rimozione della placca con lo spazzolino.

Ha un azione detergente ed abrasiva.

I componenti base dei dentifrici sono agenti abrasivi(20-40%), umettanti(20-70%), leganti(1-2%), tensioattivi(1-2%), modificatori del sapore(1-5%), farmaci(1-3%).

Gli agenti abrasivi sono sali minerali che integrano l’azione meccanica dello spazzolino nel rimuovere la placca. L’abrasività di un dentifricio è in relazione alla grana delle particelle, maggiore è la grana maggiore è l’abrasività del dentifricio.

Gli agenti umettanti e tensioattivi servono per dare alla pasta la consistenza voluta e ad impedire che indurisca troppo rapidamente, non hanno azione  diretta su denti e parodonto.

Gli agenti leganti danno consistenza alla pasta e aiutano a legare i vari componenti.

Gli agenti tensioattivi hanno la funzione di tenere in sospensione la placca e permettere di asportarla facilmente con il risciacquo. Il Laurilsolfato di sodio è il più usato.

I modificatori del sapore sono olii essenziali servono a rendere il dentifricio più gradevole, il più usato è il mentolo.

 I farmaci servono  a prevenire le principali affezioni orali. Gli obbiettivi dei farmaci nei dentifrici sono:

1.combattere la placca(antibiotici(non più usati), citrato di zinco, amine quaternarie, sanguinaria, antisettici bisguanidici(clorexidina)).

2.prevenire la formazione di tartaro(sostanze come il fosfato non più usato perché creano problemi hai denti). 

3.ridurre la sensibilità dentale(cloruro di stronzio, potassio cloruro, fluoro amminico).

4.rafforzare lo smalto contro l’azione degli acidi(fuoruro di sodio,fluoruro stannoso, monofluoro fosfato, fluoruro  di amina).