Get Adobe Flash player

Condividi

Cos'è la parodontite?

Un nemico da non sottovalutare. può essere scambiata per una semplice infiammazione della gengiva ma se non viene riconosciuta in tempo può essere molto pericolosa.
La parodontite è l’infiammazione del parodonto. Cioè della gengiva, del cemento radicolare, osso alveolare e legamento parodontale. Si manifesta in genere con gonfiore e sanguinamento a livello gengivale e nei casi più gravi con mobilità dentale.

Le principali cause

  • La causa genetica: oggi si sa che circa il 30 per cento della popolazione possiede un genotipo che predispone alla parodontite. 
  • Una cattiva igiene orale: la placca batterica a livello del solco gengivale che non viene rimossa con l’igiene orale domiciliare, causa una risposta difensiva locale che porta alla perdita di osso e attacco parodontale con la formazione delle cosidette “tasche parodontali”. Queste, se non adeguatamente curate, si approfondiscono fino determinare la perdita precoce di elementi dentali e conseguenti disagi funzionali ed estetici. 
  • Il fumo: promuove la crescita dei batteri patogeni e riduce la risposta immunitaria dell’organismo. Nei fumatori la malattia avanza spesso più rapidamente e ha un decorso più aggressivo e refrattario alle cure. Lo stress perchè indebolisce le difese immunitarie 
  • La dieta 
  • Il bruxismo 
  • Alcune malattie sistemiche tra cui: 
  • il diabete,
  • l’osteoporosi, 
  • l’artrite reumatoide, 
  • disordini genetici e ematici, 
  • HIV 
  • la gravidanza

Cosa fare per difenderci?

  • Visite specialistiche: 

Infatti attraverso indagini radiografiche e attraverso il sondaggio pardontale si può arrivare ad una diagnosi tempestiva.

  • Una buona igiene orale:

Soprattutto nei soggetti a rischio attraverso il corretto uso dello spazzolino 2 o 3 volte al dì (in corrispondenza dei pasti principali) e del filo interdentale almeno 1 volta al giorno igiene ora

  • Le professionale:

Serve a rimuovere la placca batterica e il tartaro dalle superfici dentali sopra e sottogengivali e a rendere lisce le superfici radicolari. Queste procedure vengono effettuate per mezzo di strumenti manuali (curettes), meccanici (sonici, ultrasonici), rotanti e a movimento alternato.

  • La chirurgia:

Quando nonostante la buona igiene orale domiciliare e professionale la malattia continua a progredire può essere trattata chirurgicamente o con l’estrazione per gli elementi irrecuperabili.

  • La conservativa:

è fondamentale che il paziente mantenga un costante contatto con lo specialista per il controllo preventivo di eventuali recidive della malattia.

“IL NOSTRO STUDIO È SPECIALIZZATO NELLA DIAGNOSI E TRATTAMENTO DELLA PARODONTITE”3-p2